Profondo rosso

Ogni volta che si rievoca questo capolavoro di Dario Argento, o lo leggo in programmazione su qualche emittente, ogni volta che se ne parla, avverto una sensazione di magia, un impulso a riguardare il film. E oggi per la prima volta all’ennesimo richiamo ho capito veramente di cosa si tratta. È il ricordo, il ricordo della prima volta che abbiamo visto il film in televisione e la magia di raccontarci le sensazioni, le paure e le intuizioni il giorno dopo. Noi ragazzini eravamo uniti da un film, oppure un giornaletto o i commenti sulla sposina del secondo piano, dalle partitelle fuori dal cortile della scuola, ancora privo delle decine di macchine che lo invadono oggi, che dolore ripassare lì davanti. Eravamo uniti perché veri, uniti dalla nostra voglia di non crescere mai. Ci ritrovavamo sotto casa senza alcun preavviso, non esistevano ovviamente i messaggi, e sapevamo dove stare, quando e chi aspettare. Intanto profondo rosso si insinuava nelle nostre menti, per non lasciarci più.

Annunci

3 pensieri su “Profondo rosso

    • Troppo spesso dimentichiamo che la magia di certi film nei nostri ricordi è dovuta all’atmosfera che produceva. Oggi non fa più differenza tra un piatto al ristorante e un cane da beatificare.

      Mi piace

      • A proposito di film magici, ti consiglio caldamente di andare a vedere Fire Squad: io l’ho visto al cinema giusto ieri sera, e mi ha mandato in estasi dal primo all’ultimo minuto. Grazie per la risposta! 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...