La scatola dei bottoni (letture e visioni4)

Tweet della settimana

Verso fine anno ho cominciato a leggere “Un buon posto dove stare”, libro composto da racconti brevi di cui è autrice Francesca Manfredi, che si è aggiudicata il premio Campiello come opera prima 2017. Preso incuriosito e influenzato dal consiglio di un amico che lo stava leggendo al bar, ma dopo tre racconti l’ho abbandonato, almeno per il momento, perché nonostante la scrittura fluida e le ambientazioni interessanti, le storie in se stesse non mi trasmettono emozioni particolari, soprattutto nei finali che trovo spenti.

#libri in lettura
Ogni piccola bugia di Alice Feeney. Sinceramente la storia in se stessa non mi accende quella voracità di scoprire il finale a tutti i costi, da qui la lentezza nella lettura, oltre al poco tempo a disposizione, ma adesso devo accelerare per forza perché sono arrivati nuovi stimoli. Quelli che seguono.:)

Dall’ordine di cui parlavo la scorsa settimana sono arrivati, tramite IBS:

  • L’interpretatore dei sogni di stefano Massini
  • Every child is my child di autori vari
  • Storie di ordinaria follia di Charles Bukowsky
  • Io la troverò di romano De Marco

Questi ultimi due presi nella promozione Feltrinelli con plaid in omaggio, che ho visto in giro sempre lo stesso, la copertina di Tenera è la notte, di Francis Scott Fitzgerald.
#fumetti
Diabolik swiisss N° 284 “Patto di sangue”
Un’occasione unica per il Re del Terrore: impadronirsi dei piani del sistema d’allarme del Museo di Clerville. Ma una donna spietata si mette sulla sua strada, e Diabolik si ritroverà coinvolto in un torbido ricatto.
(R)Albo con la buona qualità del periodo, per quanto riguarda la storia e il mistero che nasconde.
Viene evidenziata la crudeltà di Diabolik, siamo ancora nel 1975, ma secondo me l’inserimento del bambino solo per la storia del narcotico, per poi abbandonarlo nella narrazione nonostante la morte della madre, è superfluo.
Tesori international 11 Duck tales e Carl Barks
Questo undicesimo volume di Tesori International dedicato a Carl Barks, l’uomo dei paperi, raccoglie alcune delle storie che hanno ispirato la prima serie a cartoni animati Duck Tales, quella andata in onda tra il 1987 e il 1990 per un totale di cento episodi. Ed è inutile dire che le storie di Carl Barks sono magiche, anche nella loro semplicità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...