Caccia all’assassino (analisi diabolik inedito giugno)

Diabolik inedito di giugno presenta una copertina molto bella, dove Eva Kant perfezionata nel tratto dal copertinista Matteo Buffagni, fa la sua bella figura in primo piano. A catalizzare l’attenzione è un piccolo aereo con relativa scia che taglia in due la copertina condivisa con un uomo imprigionato. Che sia lui l’assassino a cui si da la caccia, da cui il titolo?
“Caccia all’assassino” vede il ritorno alla scrittura di un soggetto di Patricia Martinelli, in condivisione con Mario Gomboli. E ritroviamo quegli inizi delle storie gialle delle vecchie storie dell’autrice su giornali a fumetti come l’intrepido. C’è molto pathos e un groviglio di personaggi che rendono l’ambiente confuso, tanto procurare più di un sospetto sul possibile omicida.

Un delitto classico, per un furto dal bottino elevato. Nella sceneggiatura di Diego Cajelli assistiamo all’entrata in scena di Diabolik, interessato a conquistare quel bottino di cui si sono perse le tracce. Ma anche Ginko suo malgrado viene chiamato ad interessarsi del caso, anche se non di sua competenza, naturalmente fino a quando la sua strada si incrocia con quella del re del terrore. Il colpevole si scopre già a metà lettura, e da quel momento in poi cominciano le difficoltà per Diabolik e Eva, ma sarà lei stessa a risolvere il momento più delicato.

Nell’insieme la storia è godibile, indagini a tutto spiano e colpi di scena a creare suspence, del resto l’impronta di Cajelli è questa. I disegni del trio Cerveglieri, Montorio, Merati sono buoni e rendono molto bene nelle tavole con la pioggia, a mio giudizio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...