Analisi personale libro di Barbara Baraldi, non una recensione ma la descrizione di quello che ho provato a romanzo terminato.
Il ritorno al thriller di Barbara Baraldi avviene con una storia che ha avuto una lunga gestazione, ma l’attesa è stata premiata.
Inizio commentando la copertina, strutturata graficamente secondo lo stile thriller più diffuso, con in evidenza una melagrana, frutto che Aurora evidenzia in un determinato punto dei suoi ricordi.
La storia è una classica avventura poliziesca con indagini alla ricerca di un serial killer, con limiti di sfondo che rasentano l’orrore, nel modo di operare il delitto da parte dell’assassino. Indagini che vedono protagonista Aurora che cerca di ristabilire con se stessa e il suo passato un punto d’incontro, un ritorno alla normalità cancellata da invasioni mentali che la rendono un personaggio facilmente alterato nelle situazioni a cui deve andare incontro. I personaggi che si trovano ad interagire con Aurora sono molti, nel bene e nel male, e vanno scoperti solamente con la lettura del romanzo, parlarne qui non renderebbe l’idea. Un punto che mi piace sottolineare invece, è lo spazio in cui Barbara riesce a inserire il tormento interiore che si prova ad aver vissuto sulla propria pelle, e nella paura di quello che sta per succedere, nella descrizione dei giorni del terremoto. Ricordo che il romanzo è ambientato in Emilia Romagna. E un punto a favore da parte mia anche per il personaggio di Silvia, l’unico che mi appare positivo sin dalla presentazione, e delicato nella descrizione interiore delle sue preferenze sessuali.
Nel complesso un bel romanzo, da leggere tutto d’un fiato perché quando ti ritrovi nel gorgo delle azioni descritte non puoi fare a meno di desiderare di scoprire l’evento che ne sussegue. I personaggi sono tanti, difficile non schierarsi per l’uno o per l’altro, e anche nel desiderio di immaginare prima del finale di capire chi sia l’assassino si resta interdetti da nuove rivelazioni.

Editore: Giunti
Collana: M
Copertina: Cartonato con sovraccoperta
Dimensione: 15×21.5cm
Lingua: Italiano
Pagine: 528
Data di pubblicazione: 2017
Prima edizione: maggio 2017

Per chi volesse avere informazioni più complete, vi rimando alla presentazione del libro nel sito ufficiale di Barbara: Aurora nel buio

Annunci