13581937_1356594147703581_560544472656967541_o

Premessa essenziale prima di pubblicare il mio resoconto su questo albo, mi è piaciuto molto, una storia scritta con vero sentimento, e mi fa piacere che il primo soggetto di Iudika (Con Gomboli e Pasini a raddrizzare il tiro, credo) sia un successo, coadiuvato da una bella sceneggiatura di Diego Cajelli, che con questo tipo di storie ci va a nozze. Detto questo parliamo della storia.
[SPOILER]

Come detto in apertura storia bellissima, solo che credevo di aver comprato Zagor invece di Diabolik. Molto belle le scene dell’agguato, oserei dire realistiche. Con la conseguente prigionia del gruppo di turisti sale la tensione, anche perchè Diabolik non ha nessuna possibilità di trucco da usare, non ne ha addosso e comunque sono troppi i ribelli, come riusciranno lui ed Eva a scampare a questo che oserei definire il più grosso pericolo di morte a cui fino a ora sono andati incontro. Qui entra in campo lo spirito avventuriero del Re del Terrore, che probabilmente memore dei duri allenamenti a cui si era sottoposto nella scuola di arti marziali di Ronin, ribalta una situazione sull’orlo del precipizio, sia in senso figurato che in senso reale. Tutto quello che accade dopo è tipico del senso di rivalsa di Diabolik, dovendo arrivare a salvare Eva, prigioniera a sua volta con altre donne del paese, gestendo da solo un trucco psicologico con il capo dei ribelli e successivamente coinvolgendo Eva e le altre prigioniere. Il finale ci riporta all’atteggiamento tipico di Diabolik, compiendo una giusta vendetta verso un personaggio quasi dimenticato per strada dal lettore. Bello tutto lo svolgimento, belle le azioni di lotta, della fuga delle prigioniere, organizzata in maniera esemplare. Voto 9. I disegni mi piacciono, Buffagni assistito da Montorio Merati ci sta trasportando nel suo stile decisamente lontano da quella dell’idea iniziale partita con Zaniboni e Facciolo. lo stiamo apprezzando sempre più nelle copertine, questa è stupenda, retro nella norma, splash page anonima, nel senso che avrei messo Eva con il suo vero volto, sappiamo benissimo che è lei sin dall’inizio, però il disegno è significativo.

Annunci