13063096_1097394736991491_9077255435094718037_o

Un gioco che parte subito con un colpo ben congegnato da Diabolik, rappresentato anche nella avvincente copertina di Matteo Buffagni, ma bloccato sul nascere proprio dal derubato, prima vittima di quegli inganni da cui il titolo. Krantz viene descritto già nelle prime vignette, con il suo carattere dispotico e il comportamento odioso nei confronti dei dipendenti della sua piccola società, in cui emerge sin da subito la figura della blanda signorina Luciana. In questa storia che vede il soggetto della proficua coppia Gomboli-Pasini, quest’ultimo sceneggiatore insieme a Carla Massai, Diabolik usa le sue risorse per far emergere dall’inganno perpetrato l’anonimo doppiogiochista, non sapendo che nel gioco risulta coinvolto anche l’ispettore Ginko, e questo da alla storia quella spinta che la rende gradevole nella ricerca della verità, ben nascosta pur rimanendo intuibile nelle perplessità caratteriali dei personaggi. Il compito di Eva è quello di spalleggiare il compagno dall’interno della ditta, con una sostituzione improbabile ma pur sempre all’altezza delle capacità della bionda criminale. E il divertente succo della storia, a colpo riuscito, sta nelle tavole conclusive, nelle frasi di Diabolik e Eva.
Retrocopertina spettacolare ancora opera di Buffagni,con i nostri in atteggiamento amoroso, vista in molte pubblicazioni su instagram, a decretarne il successo. Anche la splash page risulta gradevole, nonostante i disegni dei Ricci continuano a non entusiasmarmi.

Annunci