Complesso di colpa (recensione diabolik inedito gennaio 2016)

10469543_1000903059973993_1005907250142451724_o
“Qualcuno mi ha preceduto…devo scoprire chi è stato!”
Inizia da questo pensiero di Diabolik il primo albo del Re del Terrore del 2016, con il ritorno di un personaggio che pur vantando poche apparizioni, ha lasciato nostalgia in molti lettori, memori di quelle avventure degli anni passati in cui Altea, duchessa di Vallenberg, viveva in Beglait ed aveva come fedele maggiordomo il buon Lodovico. Questo ritorno non è però favorevole all’uomo, visto che il destino narrativo lo vuole morto, proprio per rendere protagonista principale la compagna dell’ispettore Ginko, tanto da meritarsi per l’occasione la copertina da sola (bella nel disegno di Buffagni, ma a mio giudizio distante dal senso della storia.)
Questa storia non mi ha entusiasmato molto, ma racchiude in se stessa elementi molto validi per lasciare la suspence nel lettore.
Vedi la diabolika coppia di amanti che ben si inserisce nel quadro dei protagonisti, il dubbio su chi potesse essere l’assassino, la vicina di casa di Lodovico che arriva a fare anche da spalla ad Altea , le sostituzioni di Diabolik che risultano impreviste, l’utilizzo di Ginko da fuori scena.
Merita quindi una sufficienza l’albo, ma il giudizio è condizionato dall’utilizzodi Lodovico come vittima, quindi a un lettore con diverse prospettive può lasciare sicuramente un’impressione migliore.
Nota finale, ritengo l’inserimento come soggettista di Roberto Altariva positivo per il futuro delle storie diabolike.
Impressione sui disegni, buoni, prevale la bellezza di Altea su Eva, ancora in fase di miglioramento in questo caso nel lavoro di Buffagni.

Annunci

6 pensieri riguardo “Complesso di colpa (recensione diabolik inedito gennaio 2016)

  1. Anch’io ritengo che la morte di Lodovico se la potessero risparmiare: già il cast di comprimari di Diabolik è ridotto all’osso, se poi anche quei pochi ce li fanno fuori allora rimangono davvero poche carte da giocare.
    Al di là di questo, ho trovato la trama troppo intricata: i colpi di scena, i ribaltamenti della situazione, i flashback che spiegano tutto eccetera ci sono in tutti i numeri di Diabolik, ma qua se ne è abusato, rendendo la lettura davvero poco scorrevole.
    Ad ogni modo, la storia non è da buttar via, e come hai detto tu ha il merito di aver riportato in auge Altea. Speriamo che il suo ritorno non resti un caso isolato.

    Liked by 1 persona

    1. Mi fa piacere Wwayne che tu segua Dk, a proposito dei miei dubbi però ti allego la risposta dello sceneggiatore della storia, per dissipare questo arcano.
      “Intendi dire che avrei dovuto ideare un personaggio ex-novo appartenente al passato di Altea?
      Se è così, non avrebbe funzionato.

      L’impatto della storia sta proprio nel fatto che Lodovico inizialmente appare del tutto colpevole (se non dell’omicidio, quantomeno del furto del diamante) e la cosa ha un certo impatto nel lettore solo se questi conosce il personaggio e sa che si tratta di una persona onesta. Per cui il lettore stesso, come i personaggi della storia, vorrebbe credere che sia innocente nonostante quello che ha visto con i propri occhi.

      Se non avessi utilizzato un personaggio già apparso nella serie, il fatto che inizialmente sembrasse colpevole non avrebbe minimamente meravigliato il lettore.”

      Mi piace

      1. Lo sceneggiatore è stato gentile a risponderti, ma non ha centrato il punto: ad indispettire il lettore non è stata la scelta di farlo apparire inizialmente colpevole, ma la scelta di farlo morire. Quell’effetto sorpresa iniziale poteva essere mantenuto anche facendo sopravvivere il personaggio: a mio giudizio lo sceneggiatore lo sa benissimo, e quindi nel risponderti ha volutamente spostato il discorso su un terreno che con la tua domanda c’entra davvero poco. Vabbé, ormai è andata. Per curiosità, come sei riuscito a metterti in contatto con lo sceneggiatore? Hai usato un social?

        Liked by 1 persona

      2. Non proprio, Roberto è un’amico, io sono fondatore del Diabolikforum, è da li che vengono questi commenti. Ritengo alla fine che la scelta di far morire Lodovico è la più plausibile, ai fini del tema centrale della storia, ovvero la ricerca da parte di Altea di dimostrare la buona fede dela persona a lei cara.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...