Tu, che nascondi sempre la felicità
dietro una porta chiusa a chiave
baratti la nostalgia delle occasioni andate
con la sicurezza di non voler tornare là.
Tu, che assapori il gusto del rimpianto
eppure indossi ancora la sua maglia
cerchi nel numero del trapezio
il circo giusto per finirla presto.
Tieniti forte a me
insieme centriamo il bersaglio
con un tiro secco condannarlo
a pensarti per i giorni che saprai scordarlo.
Sconfiggi la memoria con un taglio di capelli
e il suo gesto di accarezzarli
consideralo come un refuso
di cui il tuo tempo ora può fare a meno.
Tu che inventi adesso giorni pieni
come un cielo ballerino a primavera
se ti scopri un’anima spogliata
non è solo un peccato sentirsi amata.
@Toni2015

Annunci