Una stanza, una finestra
il buio oltre il vetro
occhi imprigionati in un risveglio improvviso
come quando i sogni spaventano
disegni che si cancellano aprendo gli occhi.
Un orologio, un libro
il tempo dentro il sonno
parole consumate in un desiderio struggente
come quando i doni si scartano
magie che si inventano muovendo le mani.
Siamo orme delle ombre
facili prede di errori ammaestrati
nuvole di vino per notti balorde
sesso consumato senza protezioni
invenzioni lanciate senza paracadute.
Siamo noi senza mai
viaggio nel futuro senza ritorno
prezzo da pagare per anime dannate
correndo senza fiato intorno al mondo
kilometri di promesse da ricordare.

testo ©Tony2015
titolo post Laura @Ladaphne Marziali

Annunci